Contatti

CAMPING INTERNAZIONALE
Via Mare delle Antille
74025 MARINA DI GINOSA (TA)
Tel. 0998271753
Cell. 329 2404025
Cell. 339 1142442

email: info@campingmarinadiginosa.it

Associazione Turistica PRO LOCO "L. Strada"
Piazza Stazione, 1
74025 MARINA DI GINOSA (TA)
Tel. 099 8431001

Chiudi

Privacy & Policy

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO - PERCHE’ QUESTO AVVISO
In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa anche ai sensi dell' art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web del Camping Internazionale di Marina di Ginosa, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo: http://www.campingmarinadiginosa.it
L’informativa è resa solo per il sito del Camping Internazionale di Marina di Ginosa e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link. L’informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall’ art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento. La Raccomandazione e una descrizione di sintesi delle sue finalità sono riportate in altre pagine di questo sito.
IL “TITOLARE” DEL TRATTAMENTO
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il “titolare” del loro trattamento è :
Associazione Turistica Pro Loco “Luigi Strada”
Piazza Stazione, 1 – Marina di Ginosa (TA) - ITALY
Tel.: 099 8277153 – 099 8277954
E-mail:info@campingmarinadiginosa.it
LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI
I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede del Camping Internazionale di Marina di Ginosa e sono curati solo da personale tecnico dell’Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (richiesta di offerte, richieste di listini, cataloghi, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario (eventuale servizio di spedizione dei documenti richiesti Dati di navigazione.
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni. Dati forniti volontariamente dall’utente.
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.
FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI
A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta al Camping Internazionale di Marina di Ginosa o comunque indicati in contatti con l'Ufficio per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.
MODALITA’ DEL TRATTAMENTO
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
DIRITTI DEGLI INTERESSATI
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione ( art. 7 del d.lgs. n. 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte a:
Camping Internazionale, Via mare delle Antille, 74025 Marina di Ginosa (TA).
P3P
La presente informativa sulla privacy è consultabile in forma automatica dai più recenti browser che implementano lo standard P3P (“Platform for Privacy Preferences Project”) proposto dal World Wide Web Consortium ( www.w3c.org). Ogni sforzo verrà fatto per rendere il più possibile interoperabili le funzionalità di questo sito con i meccanismi di controllo automatico della privacy disponibili in alcuni prodotti utilizzati dagli utenti. Considerando che lo stato di perfezionamento dei meccanismi automatici di controllo non li rende attualmente esenti da errori e disfunzioni, si precisa che il presente documento, pubblicato all’indirizzo www.campingmarinadiginosa.it costituisce la “Privacy Policy” di questo sito che sarà soggetta ad aggiornamenti (restano le varie versioni consultabili al medesimo indirizzo).


Chiudi

Crediti

I testi inseriti in "Torre Mattoni" e "Lago Salinella" sono tratti dal libro:
"Marina di Ginosa" di Nicola Tamborrino.

Si ringrazia per la concessione di alcune foto:

Associazione Note nel Blu;
Fabio Guliersi;
Campus Italia scrl.
Chiudi
Eventi in programma

EVENTI

Info Camping:

Selezioni disponibili

Nei Dintorni:

Selezioni disponibili

La spiaggia
Una spiaggia di sabbia finissima vi accoglierà con tutto il calore del nostro mare. In questo anno 2013 abbiamo ottenuto la 15° bandiera blù dalla FEE, l'unica in provincia di Taranto, inoltre, la spiagge di Marina di Ginosa è stata annoverata nella guida blu del Touring Club fra le 300 spiagge più belle del mondo.
Marina di Ginosa spiaggia

Listino prezzi aggiornato al 01/01/2014

 PREZZO GIORNALIERO      2014

Bassa

Media

Alta

1/5 - 30/6

1/7 - 31/7

1/8 - 31/8

1/9 - 30/9

 Persona / notte

€. 5,00

€. 6,50

€. 8,00

 Bambini da 2 a 6 anni

€. 4,50

€. 5,50

€. 6,00

 Caravan/Furgone/Air Camping

€. 6,00

€. 8,00

€. 10,00

 Camper

€. 7,00

€. 10,00

€. 12,00

 Tenda canadese 2 posti

€. 4,00

€. 6,00

€. 7,00

 Tenda canadese 3/4 posti

€. 6,00

€. 8,00

€. 10,00

 Auto

€. 4,00

€. 5,00

€. 6,00

 Moto

€. 2,00

€. 2,50

€. 3,00

 Rimborso energia elettrica (600W)

€. 3,50

€. 3,50

€. 3,50

 Piazzola occupata senza persone

€. 10,00

€. 10,00

€. 14,00

 BUNGALOW 4 POSTI

Bassa

Media

Alta

 Al Giorno

€.    60

€.     80

€.   120

 1 Settimana €.  300 €.   450 €.   700
 15 Giorni

€   550

€.   800

€.  1200

 Mese intero €.  950 €. 1500 €. 2000
 ROULOTTE MAX 4 POSTI
 compreso Auto, Luce e piazzola

Bassa

Media

Alta

 1 Persona al giorno

€.    25

€.     35

€.    40

 2 Persone al giorno €.    36 €.     41 €.    47
 3 Persone al giorno

€     42

€.    48

€.    55

 4 Persone al giorno €.    50 €.    55 €.    72
 1 Settimana 4 persone tutto compreso

€    

€.   350

€.   500

 15 Giorni 4 persone tutto compreso €.   €.   650 €.  950
 Mese intero 4 persone tutto compreso

€    

€. 1200

€. 1800

 Ospiti visitatori (dopo un'ora)*

€. 4,00

€. 5,00

€. 5,00

 Costo scarico/carico camper

€. 3,50

€. 3,50

€. 3,50

* inclusi i bambini da 6 anni

N.B.: I visitatori sono consentiti dalle ore 9:00 alle ore 14:00 e dalle ore 16:30 alle 22:00 previa autorizzazione

Listino prezzi Spiaggia 2014

 Periodi

MAGGIO

 

 

GIUGNO

LUGLIO

AGOSTO

SETTEMBRE

Giornaliero

€. 10,00

€. 10,00

€. 15,00

 Mensile 1° e 2° fila

€. 250,00

€. 320,00

€. 400,00

 Mensile 3° e 4° fila

€. 200,00

€. 260,00

€. 320,00

 Mensile 5° fila in poi1

€. 180,00

€. 200,00

€. 250,00

 STAGIONALE

1° E 2° FILA

3° E 4° FILA

5° FILA IN POI

 (PARCHEGGIO INCLUSO)

€.    600,00

€.    550,00

€.   400,00

 TUTTE LE OPZIONI COMPRENDONO: 1 OMBRELLONE CON 2 LETTINI O SDRAIO + 1 SEDIA REGISTA

 

 

 

 

 

N.B.: Sconto 10% per: SOCI PRO LOCO "L. STRADA" - DIPENDENTI COMUNALI - CAMPEGGIATORI

 Il Campeggio

http://www.campingmarinadiginosa.it/images/spacer.gif

Immerso in un bosco di pini d’aleppo che dirada su una larga spiaggia di sabbia finissima, il nostro camping è il luogo ideale per godersi il relax più assoluto.
Il nostro slogan è: riprenditi il tuo tempo. Un prolungato benessere si impadronirà di voi e non riuscirete a dimenticarci.

Un contesto naturale esclusivo:

questo è il Camping Internazionale di Marina di Ginosa che in aggiunta ai servizi funzionali ne caratterizzano l’ospitalità. Natura, storia, cultura e tradizioni attendono chiunque voglia vivere un’esperienza rilassante, senza rinunciare alla curiosità di visitare i luoghi pieni di fascino che ci circondano

camping internazionale di marina di ginosa
Lago Salinella
Il Lago Salinella un lago costiero retrodunale che trovasi a confine fra le regioni Puglia e Basilicata, nei comuni di Ginosa e Bernalda, occupante il tratto terminale dell'antico alveo del Fiume Bradano. Parte integrante di questo ambiente costiero è il complesso boscato di impianto recente, posto fra l'attuale corso del Bradano e il Torrente Galaso. Per la sua importanza naturalistica è da evidenziare inoltre la vegetazione alofila dell'antico alveo del Bradano e l'interessante cenosi psammofila insediata sui primi cordoni dunosi a ridosso dell'arenile. Sotto l'aspetto avifaunistico questo biotopo si configura come una delle più importanti zone umide della costa Jonica per la presenza, nel periodo primaverile, di un cospicuo numero di Ardeidi, Anatidi (in particole anatre di superficie), Charadriformi e per la nidificazione di alcune specie strettamente legate agli ambienti umidi.

lago salinella
Torre Mattoni
Fra le tante torri fatte erigere dai viceré lungo tutte le coste del Regno di Napoli, nel mal riuscito tentativo di arginare le incursioni turche e corsare provenienti dal mare, interessantissima è Torre Mattoni. Riguardo alla particolare tipologia in cui questa torre potrebbe rientrare, non sono presenti in questo edificio elementi sufficienti per una classificazione specifica almeno nei riguardi delle torri costiere del solo Regno di Napoli. In recenti lavori sistematici di censimento, per queste zone dovuti a Faglia (Faglia, passim [1970-74-­75-78]), sono state rilevate delle affinità tipologiche parziali, connesse principalmente a differenti e non contigui tratti costieri; ma resta comunque un cospicuo numero di esempi non rientrati in nessuna delle classificazioni fin qui operate: né fra le torri tipiche del Regno, con base a scarpa e caditoie in numero variabile, né completamente fra quelle dell'area di Nardò, a cui pure Torre Mattoni può essere avvicinata per forma e dimensioni. Un accostamento più sostanziale, per molteplici aspetti, è possibile fare con gran parte delle torri in difesa del litorale laziale, fatte erigere nello stesso periodo dallo Stato della chiesa (De Rossi 1974). Già per dimensioni simili a molte di esse, Torre Mattoni vi è accomunata per la fondamentale caratteristica del rivestimento esterno in mattoni; inoltre quelli che nelle torri laziali sono i beccatelli di sostegno delle caditoie, in questa si riducono a poche mensole angolari, ma di uguale dimensionamento e posizione, anche se qui sostenevano con ogni probabilità piazzole avanzate di avvistamento. Distante 300 metri dal mare, su una duna sabbiosa in origine deserta e rimboschita da un trentennio, Torre Mattoni dà l'immediata sensazione di una l'orina avendo infatti una larghezza al terreno di mt. 13x13 e analoga altezza. Si eleva con una base piena per circa metà dell'intera altezza, scarpata fino al primo dei due torri in pietra fungenti da marapiano. Dall'ingresso a N-O a quota elevata, raggiungibile con scale volanti, si accede in un primo vano centrale di ridotte dimensioni che aveva funzioni di collegamento fra i due piani di vita, e delle cui strutture di salita nulla è rimasto. Ai lati di questo vi sono due locali di poco più grandi mentre di fronte, verso mare, si accede nell'ambiente maggiore, divenuto vano unico col soprastante per il crollo della volta a botte intermedia. Vi è a questo primo livello un'apertura con altezza d'uomo dal primitivo pavimento nella parete a N-E, e così al piano superiore verso mare, insieme a 5 finestre su tre lati e un camino sul lato S-O.
torre mattoni
Ginosa
Il principale monumento di Ginosa è il Castello normanno, in zona orologio, fatto costruire nel 1080 da Roberto il Guiscardo per difendersi dalle incursioni saracene. Il castello di Ginosa originariamente era munito di tre torri merlate e di un ponte levatoio, elementi architettonici che furono demoliti quando nel XVI secolo, quando il comune ionico divenne baronia della potente famiglia Doria. Così il Castello acquisì l'aspetto di un grande palazzo che ancora oggi si erge poderoso a dominio di tutto l'antico abitato. Il Castello normanno compare anche nello stemma araldico che simboleggia il comune.
Sono inoltre da vedere:
Piazza Orologio
Le gravine, Valle dell'Arciprete l'Oscurusciuto, Canale San Giuseppe, Torrente Lagnone Tondo, Canale il Palombaro, Torrente Gravinella, Canale Cecera, Selva Venusio, La Difesella, Gravina Grande, Passo di Giacobbe, Gravinella di Cavese e Canale San Pellegrino, Fosso dell'Alloro e Gravinella del cacciatore
Chiesa Matrice, o Chiesa Madre, costruita nel 1554 per l'interessamento di un presidio militare francese, il tempio fu dedicato ad uno dei santi più celebri e popolari della Francia: San Martino da Tours. La linea architettonica della chiesa esprime il Cinquecento, cioè quello stile architettonico che, messo da parte il gotico, col culto dell'arte classica si ricollega all'architettura romana, augustea.

Ginosa dista da Marina di Ginosa 23 km.

ginosa
Metaponto
Metaponto fu fondata da coloni greci dell'Acaia nella seconda metà del VII secolo a.C., su richiesta di rincalzo coloniale direttamente dalla madre patria, da parte di Sibari, per proteggersi dall'espansione di Taranto. Divenne molto presto una delle città più importanti della Magna Grecia.
Fonti antiche riportano che Metaponto sarebbe stata fondata dall'eroe greco Nestore di ritorno dalla guerra di Troia, e che vi fossero state due Metaponto, una risalente appunto a quel tempo, ed un'altra achea, di età storica.
La ricchezza economica della città proveniva principalmente dalla fertilità del suo territorio, testimoniata dalla spiga d'oro che veniva raffigurata sulle monete di Metaponto e che divenne il simbolo stesso della città e che essa inviava in dono a Delfi.
A Metaponto visse e operò, fino alla fine dei suoi giorni nel 490 a.C., Pitagora che vi fondò una delle sue scuole.
Metaponto stabilì un'alleanza con Crotone e Sibari e partecipò alla distruzione di Siris nel VI secolo a.C.
Da visitare il museo e numerosi scavi.

Metaponto dista da Marina di Ginosa  13 km.
metaponto
Taranto
Taranto presenta sul suo territorio architetture che testimoniano la sua importanza storica e culturale: dagli antichi luoghi di culto, tra i quali i resti del Tempio Dorico, i resti archeologici delle necropoli greco-romane e delle tombe a camera, la Cripta del Redentore, ai palazzi appartenuti alle famiglie nobili ed alle personalità illustri della città, tra i quali Palazzo Pantaleo e Palazzo d'Ayala Valva. La città offre inoltre una ricca varietà architettonica a testimonianza della forte religiosità e devozione. Da vedere sicuramente:
La cattedrale di San Cataldo (o duomo di San Cataldo) è la più antica cattedrale pugliese, e si trova nel cuore del centro storico di Taranto, comunemente noto come Città Vecchia. Dedicata a san Cataldo, vescovo irlandese morto a Taranto nel VI-VII secolo, del quale ospita il sepolcro.
Il Castello aragonese o Castel Sant'Angelo, occupa con la sua pianta quadrangolare e il vasto cortile centrale, l'estremo angolo dell'isola su cui sorge il borgo antico della città. Il primo nucleo del castello risale al 916, quando i Bizantini avviarono la costruzione della "Rocca" a protezione dagli attacchi dei Saraceni e della Repubblica di Venezia. Questa prima fortificazione era costituita da torri alte e strette, dalle quali si combatteva con lance, frecce, pietre, ed olio bollente. Nel 1481 fu realizzato un primo canale navigabile, più stretto dell'attuale e con sponde irregolari, per consentire il passaggio di piccole imbarcazioni e migliorare la difendibilità del castello.
Il Ponte Girevole o Ponte di San Francesco di Paola è la struttura che collega l'isola del Borgo Antico con la penisola del Borgo Nuovo. Inaugurato il 22 maggio 1887 dall'Ammiraglio Ferdinando Acton, il ponte sovrasta un canale navigabile lungo 400 metri e largo 73 metri che unisce il Mar Grande al Mar Piccolo. Il ponte misura attualmente 89,9 metri di lunghezza e 9,3 metri di larghezza.
Il Museo Nazionale Archeologico di Taranto è fra i più importanti d'Italia e fu istituito nel 1887.
Il Museo occupa fin dalle origini l'ex Convento dei Frati Alcantarini, costruito a metà del XVIII secolo e, in seguito ad interventi di ingrandimento a metà del XX secolo, l'adiacente corpo settentrionale dell'Ala Ceschi.

Taranto dista da Marina di Ginosa  45 km.

taranto
Matera
La città della pietra, centro storico di Matera scavato a ridosso del burrone, è abitata in realtà almeno dal Paleolitico: alcuni tra i reperti trovati risalgono al XIII millennio a.C., e molte delle case che scendono in profondità nel calcare dolce e spesso della gravina, sono state vissute senza interruzione dall'età del bronzo. La prima definizione di Sasso come rione pietroso abitato risale ad un documento del 1204.
I Sassi di Matera costituiscono il centro storico della città di Matera. Il Sasso "Caveoso" ed il Sasso "Barisano", insieme al rione "Civita", formano un complesso nucleo urbano.
I Sassi di Matera sono stati iscritti nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1993.

Matera dista da Marina di Ginosa 53 km.

matera la città dei sassi
Grottaglie
Grottaglie è per antonomasia la città delle ceramiche.
È stata l'abbondanza di argilla nel territorio che ha inizialmente favorito lo sviluppo dell'artigianato figulino.
Le radici della produzione artistico-artigianale affondano in un passato lontanissimo, stando ai numerosi reperti ceramici risalenti all'età classica e magno-greca.
Attualmente le tipologie e le tecniche produttive tendono comunque ad integrarsi e ad incrociarsi anche nelle stesse botteghe, dove i ceramisti, non più suddivisi in categorie, lavorano quotidianamente alla sperimentazione e alla ricerca di nuove forme espressive.
Da visitare anche chiese momenti situati nel centro storico:
- il Castello Episcopio (XIV sec.) antico Mastio medioevale di fine '400 oggi sede del Museo della Ceramica.
- la Chiesa Matrice (XIV sec.) imponente in piazza regina margherita domina in borgo antico.
- il Santuario di S. Francesco De G. (XIX sec.) dedicato al Santo Patrono con annessa la casa in cui ha vissuto.
- la Chiesa del Carmine con convento (XVI sec.) ospita uno stupendo presepe in pietra di Stefano da Putignano risalente al 1530.

Grottaglie dista da Marina di Ginosa  63 km.
.

grottaglie
Alberobello
Alberobello , celebre per le sue caratteristiche abitazioni chiamate trulli che, dal 1996, sono patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, fa parte della Valle d'Itria.
La storia di questi edifici molto particolari è legata a un editto del Regno di Napoli che nel XV secolo sottoponeva ad un tributo ogni nuovo insediamento urbano. I conti di Conversano, proprietari del territorio su cui sorge oggi Alberobello, imposero allora ai contadini inviati in queste terre di edificare a secco, senza utilizzare malta, le loro abitazioni, in modo che esse potessero configurarsi come costruzioni precarie, di facile demolizione.
Dovendo quindi utilizzare soltanto pietre, i contadini trovarono nella forma rotonda con tetto a cupola autoportante, composto di cerchi di pietre sovrapposti, la configurazione più semplice e solida. I tetti a cupola dei trulli sono abbelliti con pinnacoli decorativi, la cui forma è ispirata a elementi simbolici, mistici e religiosi.
Essi erano realizzati dalla maestranza assunta per la costruzione del trullo e ne identificavano l'artigiano. In base alla qualità della fattura del pinnacolo si poteva dunque identificare non solo la destrezza artigianale del costruttore, ma anche il valore della costruzione. Una maggiore spesa nella costruzione del trullo permetteva di individuare pertanto, le famiglie più abbienti da quelle meno facoltose.
Per quanto riguarda i simboli dipinti sopra i tetti dei trulli spesso assumono un significato religioso; talvolta possono rappresentare segni dello zodiaco. Pinnacolo e simbolo dipinto insieme formavano una sorta di identificativo civico, in quanto per lungo tempo Alberobello ha visto negarsi un riconoscimento ufficiale da parte dei conti di Conversano.

Alberobello dista da Marina di Ginosa  74 km.

i trulli di alberobello
Castellana Grotte
Castellana nasce nell'alto Medioevo grazie alla colonizzazione operata dal Monastero di San Benedetto di Conversano, ed è citata per la prima volta in documenti del secolo X, precisamente in una pergamena del 901 nel fondo di documenti di san Benedetto di Conversano, confluiti nell'Archivio Diocesano ed editi da Domenico Morea a fine Ottocento presso i Benedettini di Montecassino. E’ famosa in tutto il mondo per le sue grotte.
Le grotte di Castellana sorgono a meno di 500 metri dall'abitato nelle Murge sud orientali a 330 m s.l.m., altopiano calcareo formatosi nel Cretaceo superiore circa novanta - cento milioni di anni fa. La visita turistica si snoda lungo uno scenario affascinante per più di un 1 km. L'itinerario più lungo, richiede due ore e si sviluppa per 3 km, tra caverne e voragini dai nomi mitologici o fantastici. L'ingresso naturale è costituito da un'enorme voragine a cielo aperto, profonda una sessantina di metri, denominata la Grave. Dalla Grave alla Grotta Nera o della Lupa Capitolina, dopo aver superato il Cavernone dei Monumenti, superato la Calza e successivamente la Caverna della Civetta, attraversato il Corridoio del Serpente, la Caverna del Precipizio ed il Piccolo Paradiso, si scorre per il lungo Corridoio del Deserto detto anche il Grand Canyon sotterraneo  si raggiunge la Caverna della Torre di Pisa, il limpido Laghetto di acqua di stillicidio, il Corridoio Rosso, la Caverna della Cupola ed infine passando dal luccicante Laghetto di Cristalli, si giunge nella straordinaria Grotta Bianca, definita la più bella grotta del mondo, luminosa e splendente. Tutto costituito da splendide concrezioni stalattitiche e stalagmitiche e da gallerie intercalate dall'aprirsi di improvviso di stupende caverne.

Castellana Grotte dista da Marina di Ginosa  75 km.

le grotte di castellana

Per arrivare a Marina di Ginosa

IN AUTO

Autostrada Bari - Taranto con uscita a fine autostrada - Proseguire per Reggio Calabria S.S. 106 uscita Marina di Ginosa

IN TRENO

Stazione FF.SS. - scalo ferroviario Ginosa (Marina di Ginosa)

IN AEREO

Fino all'aeroporto di Bari o Brindisi

CONTATTACI

Camping Internazionale - Tel. 099 8277153